Piazza Garibaldi

Si prova un senso di grande stupore quando, percorrendo pochi metri a piedi dalla centrale Via Roma, dove sorge il B&B "Dimora del Conte", poco prima di giungere in piazza Garibaldi si intravede la maestosa Cupola della Cattedrale che svetta sopra i tetti delle case.
In Piazza Garibaldi si può ammirare il complesso architettonico che racchiude lo splendido Palazzo di Città (sec. XVIII), il Palazzo Capodarso, la Chiesa di Fundrò (sec. XVII) e l'ex Convento dei Benedettini (sec. XVII).

La Cattedrale

A circa 100 metri dal nostro B&B Dimora del Conte c'è la Cattedrale. Per raggiungerla bisogna risalire la Via Cavour,  si passa davanti il Palazzo Marchesi di Caricanao (XVII sec.),  si costeggia il maestoso ex convento di San Francesco (XVIII sec.) con il famoso balcone scolpito dal Gagini e, infine, si ammira la splendida cupola. Con un lavoro durato tre lunghi secoli, dalla preesistente chiesa del 1400, venne edificata la maestosa Basilica Cattedrale che custodisce, tra le altre opere d'arte, il famoso crocifisso ligneo opera della scuola antonelliana. Nella stessa piazza si affaccia il Palazzo dei Trigona della Floresta (XVIII sec.) sede del museo archeologico.
Villa Romana del Casale
A circa 2,5 Km dal nostro B&B Dimora del Conte, sorge la splendida Villa Romana Imperiale del Casale, patrimonio dell'umanità (UNESCO) e museo archeologico regionale. Rappresenta il più grande testamento della romanità che sia giunto ai giorni nostri con tanta bellezza e ricchezza di dettagli, una storia raffigurata su 3.500 metri quadrati di splendidi mosaici che decorano tutti gli ambienti di questa straordinaria dimora, suscitando da sempre meraviglia e stupore fra gli storici e i visitatori.
Quartiere Castellina
Distante circa 50 metri dal nostro B&B Dimora del Conte, c'è uno dei quattro quartieri storici della Città, la Castellina, così chiamato perchè si distende ai piedi di un castello medievale che sorgeva in luogo dell'attuale Convento di San Francesco. Nel cuore del quartiere c'è la chiesa di Santa Veneranda, che ha un prospetto del XV secolo ma venne fondata nel 1180. Nella parte bassa, il quartiere è delimitato dall'antica torre che sormontava le mura della Città (1337).

Quartiere Monte

Distante circa 200 metri dal B&B Dimora del Conte, c'é il Quartiere Monte, classico esempio di impianto urbanistico normanno del 1200, al suo interno si dipartono la chiesa degli Angeli (1600), la chiesa di Santa Maria della Catena (1600), la chiesa del Crocifisso e San Martino di Tours, la più antica chiesa di Piazza Armerina di epoca normanna (1163). La parte a meridione del Quartiere Monte ospita il Castello Aragonese (XIV sec.) residenza del Re Martino I d'Aragona, i palazzi Velardita, Roccazzella, Starrabba e la chiesa della Madonna della Neve (XVII sec.) con il convento degli Agostiniani. Scendendo per Via Vittorio Emanuele si incontrano l'ex convento dei Gesuiti con annessa Chiesa di San'Ignazio di Lojola (XVII sec.) e la chiesa di Sant'Anna dello stesso secolo.

Quartiere Canali

Questo antico borgo storico, fino al 1492 ospitò la comunità della Giudecca, ricca di attività commerciali e artigianali. Il Quartiere si distende ai piedi del nostro B&B Dimora del Conte. Dai nostri terrazzi esposti a sud si ammira dall'alto e per intero lo splendido panorama di questo antico quartiere, che custodisce l'antica Fonte dei Canali dove, dalle quattro bocche in pietra scolpita, sgorga abbondante acqua che viene convogliata nell'annesso lavatoio. Nei pressi si trova la chiesa di Santa Lucia, riedificata nel 1685 su una preesistente sinagoga ebraica del 1300.

Quartiere Casalotto

Distante circa 200 metri dal nostro B&B Dimora del Conte, questo antico quartiere, fino al 1588, era un sobborgo rurale fuori dalla cinta muraria di proprietà feudale dei Branciforti di Mazzarino, solo nel 1589 entrò a far parte della Città. In esso esisteva un convento comunicante con l'oratorio di San Filippo Neri, che nel 1600 venne trasformato in chiesa di San Filippo Neri, al suo interno fra varie opere si ammira una staua lignea del santo che risale ai primi del 1600. Ancora oggi questo santo è il più venerato dalla Città e i festeggiamenti con le processioni cui partecipano anche animali durano due giorni. Nella parte bassa del quartiere è ubicata la secentesca chiesa del Carmine con annesso convento e Chiostro. Sorge sulle rovine della quattrocentesca chiesa di S. Alberto e della Casa dei Cavalieri Teutonici, ricovero dei Crociati che si recavano in Terrasanta, di cui rimane la torre in stile gotico-catalano. Interessante è la Madonna del Gagini collocata sul portale della chiesa.

Palazzo Vescovile e Seminario

A circa 70 metri a nord del B&B Dimora del Conte, nella piazzetta Sant'Antonio, si prospettano la chiesa di San Vincenzo e l'ex convento di San Domenico del XVII secolo, formando un unico complesso edilizio con il Palazzo Vescovile. Nelle vicinanze, in Via Umberto I, si incontra il Palazzo Mandrascati ed altri palazzi signorili, per finire all'ex convento di santa Chiara, con attigua chiesa di San Giovanni (1300) riccamente affrescata nel XVIII secolo dal pittore fiammingo G. Borremans, la chiesa di san Lorenzo (Teatini) e la Torre del Padre Santo appartenente alle mura medievali della Città.

Teatro

A 150 metri dal B&B Dimora del Conte sorge il Teatro Garibaldi, splendido esempio di architettura Liberty, nelle vicinanze sorgono la Chiesa di Santo Stefano e la Commenda dei Cavalieri di Malta risalente al 1100. A cento metri, attigua alla Villa Garibaldi, si ammira la chiesa di San Pietro  con il prezioso soffitto ligneo del '700, attiguo il Chiostro del '500 appena restaurato.

Fuoriporta

  • il Convento di Santa Maria di Gesù del 1400
  • il Gran priorato di Sant'Andrea del 1100, pregevole esempio di arte medievale siciliana, con affreschi che vanno dall'anno 1000 al 1400
  • il Santuario di Piazza Vecchia (l'antica Cità di Plutia distrutta da Guglielmo I). Quì venne ritrovata nel 1348 l'Icona Bizantina della Madonna delle Vottorie custodita in Cattedrale.

© 2016 B&B Dimora del Conte Piazza Armerina. All Rights Reserved. Sito realizzato da StudioInsight.it | Foto: Mario Noto.